Il secondo "ospite" del Vendor Corner: Microsoft

Home > Vendors > Il secondo "ospite" del Vendor Corner: Microsoft
Parlare di Microsoft in ambito BYOD è al tempo stesso facile e complicato.

È facile perché, data la sua posizione preminente nel predisporre gli strumenti utilizzati dagli utenti aziendali, si può dire che sia onnipresente, quindi non è pensabile definire una qualunque soluzione di uso professionale che non contempli almeno un servizio offerto da qualche prodotto Microsoft (un esempio su tutti: Exchange per la posta elettronica...) o l’uso di Windows come piattaforma di sistema per l’esecuzione delle varie applicazioni.

Ma è anche complicato perché, proprio per la sua onnipresenza, gli aspetti del suo coinvolgimento in una soluzione BYOD sono tanti: tecnici, economici, strategici. Inoltre, il panorama continua a cambiare, e lo fa velocemente, questo significa che, anche avendo una panoramica basilare dei vari aspetti, occorre sempre e comunque valutare le singole situazioni caso per caso.

Il Team byod.it ovviamente si sta già occupando e si occuperà di tutti questi aspetti nelle varie sezioni del sito, qui però l’obiettivo è quello di cercare di comprendere la strategia e i prodotti specifici che trovano una collocazione appropriata all’interno delle soluzioni BYOD. Ovviamente anche questo non è un compito facile... Ma ci proveremo ugualmente.

In primo luogo, nella documentazione Microsoft non si parla mai di BYOD in termini di soluzioni ma solo come scenari d’impiego. Invece, i termini più usati per definire le strategie Microsoft che impattano sul BYOD sono due: flexible workstyle e consumerizzazione dell’IT.

Con flexible workstyle si intendono definire tutte quelle situazioni nelle quali l’utente può trovarsi nella condizione di dover accedere alle sue applicazioni, ai suoi dati, alle sue impostazioni da dispositivi diversi, indipendentemente dal luogo da cui deve collegarsi e dalla sua condizione di quel momento (magari è in vacanza, senza il computer aziendale, ma, ciononostante, deve accedere a servizi o informazioni di lavoro).

A questo contesto vanno riferite molte delle caratteristiche di alcuni dei prodotti e dei servizi di più recente rilascio, tra cui Windows Server 2012 (soprattutto con DirectAccess e con i Remote Desktop Services), Windows 8, Windows RT, Windows Intune, System Center Configuration Manager 2012 e persino Office 2013, nelle sue incarnazioni interne (comprendenti Exchange e SharePoint 2013) e in Cloud (Office 365).

Per capire cosa intende Microsoft con l’altra definizione, consumerizzazione dell’IT, invece, conviene prendere a prestito direttamente le parole introduttive della white paper:  “Flexible Workstyles and Enterprise IT. Supporting the Consumerization of IT with an Intelligent Infrastructure” (chi fosse interessato a leggere l’intera white paper, in inglese e in formato PDF, può fare clic qui): «Microsoft considera la consumerizzazione dell'IT come un’importante trasformazione del mercato e ritiene che le organizzazioni dovrebbero abbracciarla a beneficio sia degli utenti che di loro stesse. Per aiutare le Direzioni IT a gestire questa evoluzione, Microsoft offre una gamma di soluzioni in grado di supportare attività come l’identificazione dei dispositivi non aziendali, la creazione e l'applicazione di criteri di gestione e per la distribuzione di applicazioni e dati, salvaguardando la coerenza dell'esperienza utente e la sicurezza.»

Se mettiamo insieme i due concetti sopra esposti, cominciamo ad avere una visione un po’ più definita del ruolo che Microsoft assegna al BYOD nell’ambito della sua strategia e a comprendere quali siano gli elementi che la compongono.

L’obiettivo di Microsoft appare quello di proporre un set completo di strumenti grazie al quale le organizzazioni di ogni tipo e dimensione potranno costruire la soluzione più appropriata per supportare i propri utenti nei vari scenari implementativi in cui essi si troveranno, potendo disporre sia delle componenti server  necessarie, sia delle componenti client capaci di fornire loro la user experience più adatta, sia, infine, dei servizi in Cloud utili a garantire il massimo controllo anche dei dispositivi mobili oggi più diffusi.

Nel prossimo post faremo una panoramica di tutti gli strumenti proposti da Microsoft per poi passare ad esaminarne i principali nei post successivi.

Per il momento è tutto.

Saluti

Il Team byod.it.

byod.team@nuovisoci.it

URL:  http://download.microsoft.com/download/9/6/A/96A4E54E-C09F-44EF-BBF6-AAFD4721C929/Intelligent%20Infrastructure%20White%20Paper.pdf



Designed by Nuovi S.O.C.I. Team
P. IVA 01284450192